Perché aggiornare un sito web?

Basta un’occhiata

Guardate questa immagine.
Questa è la pagina iniziale di un sito “vecchia maniera”, rimasto online per distrazione o – più probabile – per pigrizia del proprietario che non ha tempo, non ha voglia, non reputa così importante l’aggiornamento.
Tralasciando il motivo di questo scempio, focalizziamoci  su un’altra cosa: la nostra reazione di repulsione. Giusto il tempo di rimettere il dito sul mouse e torniamo indietro prima possibile, alla ricerca di un risultato migliore.

Cos’è che non funziona?
Un po’ tutto a dire il vero. Il grigio di fondo ci mette tristezza, non capiamo di cosa parla questo sito, non leggiamo bene i testi scritti nella tabella, e stendiamo un velo pietoso sull’immagine dell’occhio che ci scruta dal centro pagina.
Se stiamo navigando dal nostro smartphone le cose andranno ancora peggio: i caratteri saranno praticamente illeggibili e i link all’interno della tabella talmente piccoli che neanche il dito di un neonato riuscirebbe a beccarli.

Perché aggiornare un sito web?

Avere un bel sito, che funzioni bene sia dal computer di casa che sul telefonino, non è questione di buongusto ma un requisito fondamentale per chi vuole sopravvivere sul web. Perché gli utenti non vogliono perdere la vista su scritte minuscole o immagini sgranate; perché non hanno tempo di ingrandire la pagina per capire dove diavolo si trova il menù; perché, soprattutto, di fronte a un sito non aggiornato hanno un’immediata sensazione di arretratezza.
Una pizzeria che si presenta con un sito web aggiornato a dieci anni fa trasmette la sensazione che anche la mozzarella risalga a quel periodo. E noi cerchiamo altro.

Come recuperare?

Grazie al cielo rinnovare un sito non è un’impresa impossibile. Né si deve pensare che cambiando la veste grafica si perderanno gli utenti fidelizzati. Al contrario, attraverso un buon restyling dimostriamo di essere presenti, attivi e al passo coi tempi; che siamo al fianco dei nostri utenti mentre il mercato si evolve rapidamente verso forme sempre nuove.

    Scrivi qui il tuo commento